ROTTA CONTRARIA

artwork-rotta-contraria-own-air

GENERE: DOCUMENTARIO

DURATA: 76 MIN

RATING: PER TUTTI

REGIA: STEFANO GROSSI

LINGUA: ITALIANO

“Se volete vedervi allo specchio, guardate l’Albania, che è un po’ una caricatura dell’Occidente (Fatos Lubonja)”

 

Oggi l’Albania è un cantiere a cielo aperto, e Tirana il simbolo di una nazione aggressiva e vitale, piena di forze fresche da gettare a profusione nel calderone del libero mercato e della new economy – dall’edilizia pubblica e privata al marketing finanziario e telefonico. Tirana infatti non è solo la capitale del paese delle aquile, ma anche quella dei call-center, che macinano lavoro, operatori e vendite in un flusso continuo e martellante, rivolto in gran parte verso l’Italia: vicino geografico, ex colonizzatore e ora anche bacino inesauribile di utenti di offerte telefoniche.
Ma chi sono questi ragazzi albanesi di cui conosciamo solo le voci, tradite da quel loro cantilenato accento? E cosa pensano dei colleghi italiani – che hanno intrapreso la “rotta contraria”, dall’Italia verso l’Albania, in cerca di lavoro ? E poi, soprattutto: qual è il mondo – e l’idea di mondo – che si muove grazie a loro ma soprattutto dietro di loro?

Attraverso le testimonianze di italiani e albanesi, il film rivela tutta la precarietà e l'alienazione della loro situazione.

LEGGI

Gli italiani in fuga nei call center albanesi.
“L’America è dall’altra parte dell’Adriatico”.

LEGGI

"Non si parla del presente ma della loro memoria, dei ricordi personali, delle aspirazioni per il futuro."

LEGGI

"Un esempio di cinéma vérité che senz’altro ha il merito di accendere la luce su una realtà viva, palpitante, quanto poco presente nei radar mediatici."

LEGGI

"Albania nuovo mondo, "Rotta contraria" il film che parla della fuga italiana"

LEGGI
Nei cinema
Proiezioni in corso
11 GIUGNO - TORINO
CINETEATRO BARETTI
20 GIUGNO - ROMA
SPAZIO APOLLO 11
FOTO DI SCENA
Gallery